Home » Comunicati per la Stampa » Feditalimprese Caltagirone: nuovo direttivo, alla guida Nicolò Raimondo

Feditalimprese Caltagirone: nuovo direttivo, alla guida Nicolò Raimondo

E’ stato nominato il nuovo direttivo comunale di Feditalimprese Caltagirone. Si tratta di Nicolò Raimondo, Bartolomeo Frazzetta e Giacoma Bonanno.

Alla guida della segreteria comunale Nicolò Raimondo 

Feditalimprese Caltagirone continuerà ad offrire agli imprenditori assistenza continua nei diversi settori di appartenenza, facendo sopratutto da portavoce dei piccoli imprenditori per far si che attraverso azioni congiunte si possa arrivare ad un cambiamento di rotta.


In questo scenario afferma Nicolò Raimondo neo segretario di Feditalimprese Caltagirone, le piccole e medie imprese devono essere una risorsa per ricominciare a crescere ma, per farlo hanno bisogno di politiche e misure in grado di favorire la ripresa. Noi cercheremo di aiutarle in modo concreto, offrendo la possibilità di costruire reti, partecipare a progetti di internalizzazione, stringere alleanze, etc.., ovviamente, prosegue Raimondo, non possiamo fare miracoli sopratutto data una burocrazia ed una pressione fiscale che scoraggia anche i più volenterosi.” 

Attraverso le sue sedi Feditalimprese vuole essere un punto di riferimento per imprese ed imprenditori, a Caltagirone così come avviene nelle altre sedi , verranno forniti servizi di consulenza (legale, contabile, assicurativa, formativa, etc ) corsi di formazione, aiuti per l’accesso ai finanziamenti, caf e Patronato.

Bisogna unire le forze, spiega Salvo Russo segretario regionale di Feditalimprese Sicilia, fare sinergia, discutere, programmare insieme le strategie per il rilancio dei nostri territori, sostenendo le piccole e medie imprese con agevolazioni per investire ed attirare così anche investimenti di nuovi imprenditori, ovviamente per farlo abbiamo bisogno dell’aiuto delle amministrazioni al fine di snellire sopratutto la burocrazia che molto spesso e stata causa di perdita di occasioni importanti per la Sicilia, sostenere l’economia locale vuol dire dare al territorio la speranza di rinascita.”

La parola d’ordine sarà quindi facilitazione delle procedure burocratiche, troppo spesso ostacolo per chi ha voglia di mettersi in gioco e aprire una nuova attività.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: